INTRODUZIONE DSC

Ai Capitoli 9 e 10 del Compendio della Dottrina sociale della Chiesa si legge il significato e l’importanza di questo documento:

Il documento offre un quadro complessivo delle linee fondamentali del « corpus » dottrinale dell’insegnamento sociale cattolico. Tale quadro consente di affrontare adeguatamente le questioni sociali del nostro tempo, che richiedono di essere prese in considerazione con una visione d’insieme, perché si caratterizzano come questioni sempre più interconnesse, che si condizionano a vicenda e che riguardano sempre di più tutta la famiglia umana. L’esposizione dei principi della dottrina sociale intende suggerire un metodo organico nella ricerca di soluzioni ai problemi, affinché il discernimento, il giudizio e le scelte siano rispondenti alla realtà e la solidarietà e la speranza possano con efficacia incidere anche nelle complesse situazioni odierne. I principi, infatti, si richiamano e si illuminano l’un l’altro, in quanto esprimono l’antropologia cristiana, frutto della Rivelazione dell’amore che Dio ha per la persona umana. Si tenga in debita considerazione, tuttavia, che il trascorrere del tempo e il mutare dei contesti sociali richiederanno costanti e aggiornate riflessioni sui diversi argomenti qui esposti, per interpretare i nuovi segni dei tempi.

Il documento si propone come uno strumento per il discernimento morale e pastorale dei complessi eventi che caratterizzano i nostri tempi; come una guida per ispirare, a livello individuale e collettivo, comportamenti e scelte tali da permettere di guardare al futuro con fiducia e speranza; come un sussidio per i fedeli sull’insegnamento della morale sociale. Ne può derivare un nuovo impegno capace di rispondere alle esigenze del nostro tempo e misurato sui bisogni e sulle risorse dell’uomo, ma soprattutto l’anelito a valorizzare in forme nuove la vocazione propria dei vari carismi ecclesiali in ordine all’evangelizzazione del sociale, perché « tutti i membri della Chiesa sono partecipi della sua dimensione secolare ». Il testo viene proposto, infine, come motivo di dialogo con tutti coloro che desiderano sinceramente il bene dell’uomo.